martedì 21 febbraio 2012

Chat a deux

Sola. Sola, solissima in una chat deserta.
"Tutta mia questa chaaaat.... Un sederto che conosco.... Tutta mia questa chaaaat...".
No, la cosa non era decisamente divertente.
Io, Redaz, ad affrontare il bianco di una chat candida stavo quasi ad impazzirci.
Dani richiamata per un impegno improrogabile, durante quei lunghissimi minuti in cui nessuno si loggava, pensavo di tutto. Pensavo che a me nessuno mi vuole bene, che tutti vengono in chat per parlare con lei e non con me... O magari, semplicemente, la mia cara socia è colei che, a qualche ora dall'ingresso in chat, si smazza a tappezzare Facebook e Twitter di promemoria per tutti quanti.

Ecco che alle 21.30 circa Imperfectwife è entrata in chat: evviva!
Potrei dire qualcosa di scontato, ovvero che per il resto della serata siamo rimaste poche (due) ma buone, ma non lo dirò.
Il fatto è che eravamo poche, ma è stata una bella chiacchierata, per la quale ringrazio tanto Imperfect.
Ho avuto ieri sera l'opportunità di conoscere una persona con la quale solitamente non ho opportunità di chiacchierare. Non così, almeno.
La privacy della chat ci ha permesso infatti di parlare di noi, anche di cose con cui non parleremmo con chiunque.
Abbiamo parlato di uomini, di casa, di eventi incinteschi, di paranoie... ma soprattutto di quanto possono essere buffi gli uomini quando hanno l'influenza e sembra che siano in punto di morte!
Oppure di quando non riescono ad organizzare le proprie cose, di quando si incasinano o di quando sono letteralmente sul punto di vomitare solo all'idea di pulire il water.
Alla fine ci siamo fatte delle grandi risate assieme, perchè abbiamo scoperto che non c'entrano nulla la latitudine o lo stile di vita: gli uomini sotto sotto hanno gli stessi meccanismi di funzionamento. La cosa ci ha fatte letteralmente scompisciare!

Causa mancanza di socia, ovvero colei che periodicamente mette in riga tutti i presenti con lo STOOOP e salva la chat, non c'è la chat di lunedì da scaricare.
Abbiate pietà, io sono vecchia e con la tecnologia ho un rapporto che arriva fino ad un certo punto... E poi si è trattato davvero di chiacchiere tra ragazze.
In ogni caso, #sapevatelo, sono proprio contenta anche di quest'ultima chat. Non è una sviolinata del cavolo, di cui Imperfect certo non ha bisogno, ma solo un altro modo di dire che le amicizie che nascono nella rete a volte possono essere anche vere.

4 commenti:

  1. io ho già avuto l'onore di essere l'unico ospite. Niente male.

    RispondiElimina
  2. Mitica Imperfect...grazie perchè ti sei presa cura della mia socia :)

    RispondiElimina